Dieci idee di montagna senza auto

Dieci idee di montagna senza auto

Svegliarsi una mattina e scoprire che le automobili sono scomparse. Non rubate, semplicemente sparite, tutte insieme. Sono rimasti solo treni e autobus. Un sogno per alcuni, un incubo per molti altri. Se è evidente che un tale evento è frutto di pura fantasia, tuttavia perché non sperimentare una nuova e stimolante esperienza partendo per la montagna mentre la propria auto per un week end si gode un meritato riposo? Dove andare, da dove partire, come arrivare ce lo suggerisce un pieghevole realizzato dai Parchi Mercantour e Alpi Marittime in partenariato con l’associazione Mountain Wilderness che ha sviluppato il portale Changez d'approche.
Ecco 10 idee per raggiungere e percorrere le Alpi del Sud con i mezzi pubblici. Si parte da luoghi serviti da autobus e treni per gite di un giorno o traversate a zero emissioni: solo mezzi collettivi e forza muscolare, questa è la mobilità sostenibile.


Durata: 3 giorni
Dislivello: G1 +400m Terme di Valdieri–rifugio Valasco G2 +1000m Rifugio Valasco–colle di Fremamorte–Le Boréon G3 +1100m Le Boréon-passo dei Ladres-colle di Finestra-San Giacomo
Difficoltà: da allenato a sportivo

Informazioni mezzi pubblici
TER linea Cuneo-Nizza fino a Borgo San Dalmazzo; poi autobus fino a Terme di Valdieri (orari: www.benese.it). Ritorno da San Giacomo di Entracque con la navetta a chiamata (+39 335 6531024).

Idea 1 - Le reali "Terre di caccia" tra Marittime e Mercantour

Alpi Marittime - Partenza da Terme di Valdieri

Un bellissimo anello tra i due Parchi che attraversa le antiche "Terre di caccia" del re Vittorio Emanuele II. L'itinerario permette di visitare le palazzine reali di Caccia del Valasco e di San Giacomo di Entracque, ma anche di raggiungere un gran numero di laghi.

Nell'800 gli ospiti delle Terme ingannavano il tempo passeggiando per i pittoreschi vialetti del "Giardino degli Inglesi" stretto nell'abbraccio del torrente Gesso e ai piedi di ripide pareti granitiche. Oggi proprio qui il Parco ha allestito il giardino botanico alpino "Valderia", che porta il nome di una viola esclusiva della zona. Altre 500 specie, distribuite in 14 ambienti rappresentativi degli ecosistemi delle Marittime, si offrono allo sguardo curioso dei visitatori.

Per maggiori informazioni: www.camptocamp.org/routes/347959/fr


Durata: 1 giorno
Dislivello: +300m
Difficoltà: facile

Informazioni mezzi pubblici
Da Cuneo con autobus di linea (orari: www.benese.it).

Idea 2 - Anello delle Gorge della Reina

Alpi Marittime - Partenza da Entracque

Praterie fiorite, pareti a picco, gole e scorci panoramici sulle cime più alte delle Marittime sono le principali caratteristiche dell’anello che si snoda sui contrafforti sedimentari della tormentata e lunga costiera del Monte Bussaia. L’itinerario è ideale per le uscite con la famiglia, tanto nella bella stagione quanto in inverno con le racchette da neve.

Entracque offre numerose possibilità di soggiorno. Particolarmente gradevole è passeggiare nelle ombrose vie del centro storico dalle mille fontane e dalle chiese ricche di arredi e quadri sacri preziosi. Da non perdere la visita del Centro faunistico Uomini e Lupi.


Durata: 3 giorni
Dislivello: G1 +600m Madone-Passo del Monte Colomb-rifugio Nice G2 +650m Baisse du Basto-Baisse de Valmasque–rifugio delle "Merveilles" G3 -700m Vallone della Minière
Difficoltà: sportivo

Informazioni mezzi pubblici
Accesso alla Madone de Fenestre: Randobus e navetta (linea 730 d'estate, "Conseil général [CG] 06"). Ritorno con la navetta (linea 923, CG 06) e il treno regionale (TER) linea Cuneo-Breil-Nizza.

Idea 3 - Traversata da Madone de Fenestre a Casterino

Vésubie / Roya - Partenza da Madone de Fenestre

Una magnifica traversata facilmente realizzabile con i mezzi pubblici, ai piedi dei 3.000 di frontiera del Mercantour (Gélas, Clapier). Da Madone de Fenestre (potete osservare camosci e stambecchi!) al bosco di larici della Minière passando per la valle delle Meraviglie, l'itinerario offre un vero e proprio condensato del Mercantour.

Una notte nell'accogliente rifugio Nice. L'itinerario attraversa la valle delle Meraviglie (G2). La visita alle famose incisioni rupestri è consentita solo con una guida. Il servizio di mezzi pubblici è ottimale nei mesi di luglio e agosto.

Per maggiori informazioni: www.camptocamp.org/routes/299172/fr/pas-de-la-fous-traversee-madone-de-fenestre-casterino-3jours


Durata: 1 giorno
Dislivello: +800m
Difficoltà: allenato

Informazioni mezzi pubblici
Accesso alle vaccherie del Boréon: Randobus e navetta St-Martin-vacheries (linea 730 d'estate, CG 06). Ritorno con la navetta Madone-St-Martin e Randobus.

Idea 4 - Traversata dalla Vacherie del Boréon a Madone de Fenestre

Vésubie - Passando dal passo delle Roubines della Maïris Partenza dal Boréon

Un'escursione piena di contrasti: si sale prima all'ombra della foresta per sboccare sulla facile cresta dell'alpe che raggiunge il Pisset. Veduta spettacolare sulla Cougourde, tempio nizzardo dell'arrampicata, e sul vicinissimo Monte Pelago. Non resta che passare sul versante meridionale e lasciarsi scivolare in un ambiente sempre più minerale fino a raggiungere il santuario della Madone.

Numerose varianti possibili: si può ad esempio fare l'ascensione dell'Agnellière (passaggio fuori sentiero) e ridiscendere dal passo dei Ladres oppure dal Colle di Finestra per un saluto amichevole all'Italia.

Per maggioni informazioni: www.camptocamp.org/routes/346193/fr/cime-du-pisset-traversee-des-vacheries-du-boreon-a-la-madone-de-fenestre


Durata: 1 giorno
Dislivello: +200m
Difficoltà: facile

Informazioni mezzi pubblici
Andata e ritorno Nizza-Sospel: TER linea Niizza-Breil-Cuneo

Idea 5 - Sentiero botanico in direzione di Olivetta

Roya / Bévéra - Partenza da Sospel

Facilmente accessibile tutto l'anno, è particolarmente consigliato in primavera e in autunno. L’itinerario naturalistico percorre le gole della Bévéra e si svolge su una vecchia via romana. Da non perdere la visita del villaggio medioevale di Sospel.

È possibile proseguire fino a Piene Haute, bel paesino posto su uno sperone roccioso che sovrasta la valle della Roya.


Durata: 1 giorno
Dislivello: +300m
Difficoltà: da facile a allenato

Informazioni mezzi pubblici
Accesso a Saint-Dalmas-le-Selvage: Randobus (linea 740 d'estate, CG 06)

Idea 6 - Traversata da Saint-Dalmas-le-Selvage a Saint-Etienne-de-Tinée

Alta Tinée - Passando dal colle di Anelle - Partenza da Saint-Dalmas-le-Selvage

Questa traversata comincia sul versante nord; il percorso permette di scoprire baite d'alpeggio in legno di larice e offre un panorama sulle cime più elevate dell'alta Tinée. La discesa verso Saint-Etienne attraversa una zona arida prima di raggiungere le campagne soleggiate e irrigate di Ublan.

È possibile fare una variante fino alla galleria di "roche Iglière" del canale di Ublan per prendere il fresco mentre si scende a sud verso Saint-Etienne-de-Tinée.

Per maggiori informazioni : www.camptocamp.org/routes/349225/fr/col-d-anelle-traversee-de-saint-dalmas-le-selvage-a-saint-etienne-de-tinee


Durata: 1 giorno
Dislivello: +500m
Difficoltà: facile

Informazioni mezzi pubblici
Accesso a Beuil: Randobus (linea 770 d'estate, CG 06)

Idea 7 - Testa del Garnier e lago di Beuil

Alto Var / Cians - Partenza da Beuil

L'itinerario costituisce un riassunto delle specificità del settore del Cians: dolci rilievi, begli alpeggi e splendidi boschi di larici, sotto lo sguardo onnipresente del Monte Mounier che domina tutta la zona.

Il tragitto in autobus permette di ammirare serenamente le famose gole rosse del Cians. Prendetevi un posto sulla destra!

Per maggiori informazioni: www.camptocamp.org/routes/349236/fr/tete-du-garnier-tour-et-sommet-du-garnier-par-le-lac-de-beuil


Durata: 1 o 2 giorni
Dislivello: n.a.
Difficoltà: da facile a esperto

Informazioni mezzi pubblici
Accesso col "train des Pignes" (Nizza-Digne) e la navetta per il val d'Allos (Colmars-Allos) dalla stazione di Thorame.

Idea 8 - Escursioni nell'alto Verdon

Alto Verdon - Partenze da Colmars-les-Alpes e Allos

Da Nizza, il percorso pittoresco del "train des Pignes" constituisce una metà di per sé! Sul posto, i sentieri (con segnaletica) si possono concatenare su uno o due giorni (posto tappa Gassendi a Colmars). Splendidi panorami, boschi, cascate (cascata della Lance, canale dell'Adroit, la Coletta, Vacheresse, cascata del Pich...).

Un sito privileggiato per un soggiorno di passeggiate in una montagna autentica. S’impone la visita della città fortificata di Colmars e della sua “casa museo”.


Durata: 2 giorni
Dislivello: G1 +450m G2 +580 m
Difficoltà: da facile a allenato

Informazioni mezzi pubblici
G1: partenza da Barcelonnette. G2: navetta gratuita tra Barcelonnette e Jausiers (www.ubaye.com/venir/horaires-navettes-gratuites-inter-villages)

Idea 9 - Itinerario da Puy Bas a Barcelonnette

Ubaye - Sentiero delle tre "bélières" a Jausiers Partenze da Barcelonnette e Jausiers

La passeggiata di Puy Bas permette di scoprire il patrimonio paesaggistico di Barcelonnette con un anello di tre ore attraverso praterie e foreste. Dalla vicina Jausiers, dominata da cime oltre i 3000 m, parte un tour delle sue borgate lungo le antiche "bélières"(canali di irrigazione). Il facile percorso richiede sei ore di cammino.

Patrimonio storico e gastronomia costituiscono i punti forti della valle dell'Ubaye. Da non perdere la visita al museo di Barcelonnette dedicato all'emigrazione degli abitanti della valle verso il Messico; s'impone poi una sosta golosa alla Maison des produits de pays di Jausiers per scoprire la diversità delle specialità locali.


Durata: 2 giorni
Dislivello: G1 +800m Vernante - Palanfrè G2 +900m da Palanfrè a Limonetto per il passo di Ciotto Mien
Difficoltà: da allenato a sportivo

Informazioni mezzi pubblici
TER linea Cuneo-Breil-Nizza fino a Vernante. Ritorno: autobus di linea da Limonetto a Limone (orari: www.limonepiemonte.it), poi treno

Idea 10 - Traversata Vernante-Limonetto

Alpi Marittime - Partenza da Vernante

Un itinerario tra cultura e natura. Un "viaggio nel passato" attraverso antiche borgate dalle case di pietra, circondati dai segni lasciati dalla presenza dell’uomo (canalizzazioni, terrazzamenti…) prima dello spopolamento delle vallate. Nella seconda parte del percorso si cammina tra ripide falesie, conche carsiche, gole, fino a raggiungere le acque cristalline del lago Arbergh.

A Palanfrè, presso il rifugio L’Arbergh, è possibile gustare i formaggi speciali di produzione locale (circa una dozzina di qualità tra freschi e stagionati), da assaggiare con le birre artigianali del vicino birrificio Troll.

Per maggiori informazioni: www.camptocamp.org/routes/117312/it/monte-creusa-traversata-limonetto-vernante


Parco naturale Alpi Marittime - Piazza Regina Elena, 30 - 12010 Valdieri (CN) Italia. P.IVA: 01797320049 C.F.: 96009220045 | Privacy | Cookie