Rinnovo CETS 2017-2021

Nel 2016 il Parc national du Mercantour e l'Ente di gestione delle Aree protette delle Alpi Marittime, che dal 1° gennaio ha riunito sotto un'unico Ente di gestione il Parco naturale Alpi Marittime, il Parco naturale Marguareis e sette riserve naturali (Rocca San Giovanni-Saben, Grotte del Bandito, Crava-Morozzo, Ciciu del Villar, Benevagienna, Grotte di Bossea, Sorgenti del Belbo,) hanno presentato la richiesta congiunta di rinnovo della Carta del turismo sostenibile nell'ambito delle azioni del Progetto Alcotra Alp-Mediterr "Destinazione turistica Le Alpi del Mediterraneo".

In seguito al nuovo assetto istituzionale voluto dalla Regione Piemonte, il Consiglio dell'Ente di gestione ha scelto di estendere il processo di adozione della CETS a tutti i Comuni del nuovo Ente insieme a quelli che per posizione geografica possono concorrere a creare un ben definito sistema turistico locale: Ormea, Limone, Gaiola, Moiola, Demonte e Vinadio.

A coordinare il processo per il rinnovo e ampliamento della CETS sia in Italia sia in Francia è stata la società veneta Agenda 21, che da anni opera nel settore del turismo sostenibile in collaborazione con Federparchi, associazione che rappresenta Europarc in Italia.

Da giugno a ottobre 2016 si sono svolti incontri, i cosiddetti "tavoli tecnici territoriali", a cui hanno partecipato operatori turistici e amministratori. In seguito alle riunioni con il contributo dei partecipanti sono state stilate la Strategia comune e il Piano delle azioni della Cets per il Parc national du Mercantour e delle Aree Protette Alpi Marittime.

I materiali presentati negli incontri:

Forum finale:

Sito realizzato nell'ambito del PIT "Spazio transfrontaliero Marittime Mercantour" Programma ALCOTRA 2007-2013 e rivisto e aggiornato con il progetto: